Feeds:
Articoli
Commenti

umano non umano

Il denaro, sterco del demonio.
Proprio oggi leggevo di un demonio che sosteneva di esserci per necessità, perchè per dimostrare che esistono i buoni, è necessario che ci siano i cattivi, per essere generosi, che ci siano i tirchi, per essere bevitori che ci siano gli astemi.
Per essere ricchi, che ci siano i poveri. Ma se ci sono utti ‘sti poveri, allora quanti ricchi ci stanno? dove sono ‘sti cazzo di ricchi?
Ne conosco pochi, perchè mi circondo di simili, significa che mi circondo di poveri?
è vero mi si potrebbe controbbattere con la solita solfa del tetto sotto cui stare, il letto su cui sdraiarsi, le leccornie di là in frigo, mi si controbbaterà, ma poi sempre di soldi si parla, dello stipendio troppo basso, dell’affitto da pagare, del letto che avrebbe bisogno del materasso nuovo e del se ci sono le leccornie in frigo, vorrei andare a cena fuori.
sterco? del demonio non saprei, cert oè che, più guardo il mio conto, più mi dico che in generale, è che è roba dell’altro mondo.

Annunci

Organizer

Il mio analista, che disistimavo, diceva sempre che un’operazione che poteva aiutare il subconscio, o chi abitava al posto suo, era quella di appendere, in giro per casa, frasi, brani, incoraggiamenti…parole che messe lì, avessero più o meno, la funzione, oltre che di farti apparire come una fanatico di post.it da curare (e infatti andavi dall’analista cvd), anche quella di tirarti su senza accorgertene.
Ero sempre stata un fanatica del post.it….

Adesso mi sono evoluta, o involuta, non scrivo post.it, metto promemoria sul cellulare.
Un insegnamento dall’analisi col disistimato, l’ho ricavato, è una fatica inutile non sottostare alle proprie debolezze.
Sono familiari, mi ci sento a mio agio.
Organizzer, elenco impegni, Opzioni, aggiungi, priorità alta.scadenza giornaliera, tipo di allarme: con suoneria Bip.

eau de soap


Poi arriva la sera che passi il tempo tra il pc e una partita
che manco ti frega… che se se le danno è anche meglio
passi il tempo e pensi,
(non che si sia tanto da pensare…in fondo è banale)
ma saranno le “scoppole” degli ultimi giorni,(8 son troppe!)
e ti accorgi che il tempo è passato,
è passato in un sacco di cose.
lo senti dall’aria.
i vestiti hanno un altro odore,
il sapone per le mani è diverso, il bagnoschiuma pure,
persino il detersivo per i piatti è un altro.
I grandi cambiamenti nella vita hanno l’odore del sapone

…pure nel cognome

da Repubblica di oggi(che vale pure per domani):
La fascia che va dai 15 ai 29 anni è stata falcidiata dalla disoccupazione, avendo per lo più contratti atipici. Oltre due milioni i NEET: non lavorano, non studiano, non si formano.

La fascia che invece va dai 30 in sù,falcidiata dalla disoccupazione, ha per lo più contratti atipici. Svariati milioni di questi, non lavorano, non studiano, perchè non ne hanno più l’età, formano un buco nel muro a forza di sbatterci la testa.

Bamboccioni per forza, impotenti a prescindere dal titolo di studio…figurarsi a non averlo, un laureato conta meno di un cantante, s’era sbagliata la signora mamma.

Palindroma e bambocciona per forza, titolo di studio impotente, cantante sotto la doccia.
Questo il mio quadro personale di fronte allo specchio.

Guardandomi mi son detta:
amarla…l’amo da più tempo
fedele…nei secoli fedele
in fondo lui l’ha mollata…
io fra due giorni disoccupata
un breve ma onesto cv con le palle ce l’ho anche io.
mi chiedevo, e chiedo…e mica un problema di h?
perchè guardi Sig. Massimo Moratti…l’h da’ste parti non è proprio un problema…
io son libera, non ho difficoltà, se vuole l’Inter ‘st’ altr’anno l’alleno io.
che una k nel cognome,fa esotico e ce la mettiamo sa?

….di sicuro farei lo stesso.
AMALA,PAZZA INTER AMALA!

…e a’culo…tutto il resto!

Come le fenici

Risorgiamo dalle ceneri delle nostre sigarette che non bruciano più.
Mesi, tanti. Forse fino a fare un anno.
Si cambia, si vive, ci si vede meno.
C’è chi viene più spesso nella Capitale,
chi più spesso se ne va,
chi ci resta con piccole fughe ai Castelli.
C’è chi ha eletto come suo domicilio un Villaggio,
Chi sta per abbandonare il suo di sempre,
trasferendo la Locanda che da tanto non funziona più.
Colpa dei fast foods, forse.
Ma più palesemente dei fast weddings…o simili.
E c’è chi vorrebbe mettere i suoi piedi un pò più su,
per avere così sempre la testa tra le nuvole e il cuore nello zucchero.

Ci si muove, in ogni caso.
Nonostante l’apparente immobilità di queste pagine.
Nonostante la precarietà delle nostre vite. O forse proprio per quello.

Non è che uno proprio deve dire per forza, io c’ero, io me lo ricordo eccome.
Uno può dire anche, e secondo me va bene lo stesso, ma io forse sono indulgente con me stessa,
che se lo ricorda, abbastanza, anche se non è che ne capisse tanto il senso.
Che forse più che pensare alla guerra fredda, tra i 12 e i 13 anni pensava di certo con più intensità, al fatto che voleva un piaggio si blu.
Però insomma un pò che quella gente, quella sera, stava col piccone in mano,
a darsi baci, lei che ne aveva dato solo un paio e gli aveva pure fatto un pò schifo,
quella gente lì quella sera un pò, se la ricorda.
Poi, per carità 20 anni dopo … magari è anche diversa, il piaggio si quasi non lo vedi più, i figli del piaggio si, consumano come 18 piaggio si,
quelli che ha di fronte non le fanno più schifo..anzi quasi le piace…a quella vicenda lì, di quelli col piccone, adesso s’è affezionata.
Oggi quella lì non ha visto telegiornali, non ha visto celebrazioni, ma a quella storia, son giorni che ci pensa e oggi un pò di più, che lei è vittima delle ricorrenze, ha pensato che quando è tornata da quella, che a suo dire, è uno delle più belle e poliedriche città in cui abbia messo piede,
forse veramente l’unica in cui crede di voler tornare ancora e ancora…
lei da quel posto è tornata, con un’immagine meraigliosa di un tizio che suonava con un motivo che faceva più o meno così:


che detto per inciso, di Bach…3 cose, ma quel motivetto si…